Problema Python Curl su Linux Mint 12

The following two tabs change content below.

Gianni M.

Sono da sempre uno smanettone… Ormai non più in erba, ma sempre desideroso di conoscere, scoprire, ogni cosa che abbia a che fare con tecnologia e dintorni.

Questa non è un vero e proprio articolo, ma visto che curl proprio non voleva funzionare sulla mia Mint 12 ho deciso di postare qui la soluzione al problema… che mi è arrivata per puro c…aso!;) Visto che questo è un blog lo posso usare a mo’ di “diario di bordo” ad uso e consumo di chi ne avrà bisogno!;)

Sintomi

  • Installando Wine non si riescono ad installare i core fonts di microsoft (durante la configurazione del pacchetto ttf-mscorefonts-installer lo script tenta di scaricare i fonts, ma non riesce a risolvere l’url di alcun pacchetto)
  • Installando java, o meglio il pacchetto oracle-java7-installer, l’installazione si interrompe per le stesse motivazioni dei fonts wine
  • Installando Dropbox, si riesce ad installare l’installer, ma quando si tenta di effettuare l’installazione vera e propria l’installer ghrafico si blocca e l’unica cosa che resta da fare e killare con xkill la finestra “congelata”… le motivazioni sono sempre le stesse
  • Tutti gli script bash e python che utilizzano curl non riescono a risolvere gli indirizzi e finiscono con qualche errore…
  • Altre situazioni simili che hanno generano diverse imprecazioni, ma che adesso non mi ricordo!:)

Cura

La soluzione è stata semplicissima, configurare gli opendns sia sul mio pc che sul router, bypassando i server dns predefiniti di Alice. In rete, invece c’era chi mi proponeva di ricompilare libcurl, python e compagnia bella, ma, almeno nel mio caso, non era necessario poiché si trattava di un problema di rete. Infatti gli stessi sintomi, in alcuni casi, possono verificarsi se il supporto ipv6 del kernel è abilitato.

Configurazione degli OpenDns per niubbi (principianti)

Se utilizzate un router (in caso di linea adsl è quasi certo) dovete configurarlo utilizzando la sua interfaccia web proprietaria. Detto così sembra di dover lavorare ad un progetto Nasa, ma è solo una sorta di sito web installato sul vostro “modem” che si usa per configurarlo. Per raggiungerlo, dovete leggere la documentazione del vostro router, ma di solito basta digitare o cliccare questo indirizzo http://192.168.1.1 => Se non avete già cambiato lo username e la password saranno rispettivamente admin, admin (se non vanno fate riferimento alla documentazione) => Tra le varie voci di configurazione cercate i server dns ed impostate quelli di OpenDns che sono 208.67.222.222 e 208.67.220.220  (bisogna digitarli entrambi, o in due campi distinti, o, se c’è un solo campo, dividendoli con una virgola) => Salvate e chiudete il browser.

Ora dobbiamo configurarli sul nostro pc: Cliccate con il tasto destro sull’applet per la gestione della rete  (nm-applet) => Modifica connessioni… => Selezionate la vostra connessione evidenziandola con un click del tasto sinistro => Cliccare su “Modifica…” => Selezionare il task “Impostazioni IPV4”  => quindi impostare come segue e salvare

 

In teoria è tutto a posto, ma per verificare che gli OpenDns funzionino correttamente andate su questa pagina per effettuare il test.

Ed il gioco è fatto!;)