Come Aumentare la Memoria Interna di Android – App Root External 2 Internal SD

The following two tabs change content below.

Gianni M.

Sono da sempre uno smanettone… Ormai non più in erba, ma sempre desideroso di conoscere, scoprire, ogni cosa che abbia a che fare con tecnologia e dintorni.

unnamedIn questo articolo vedremo come aumentare la memoria interna di Android con l’app Root External 2 Internal SD. Abbiamo già visto come nell’articolo Come Estendere la Memoria Interna di Qualsiasi Dispositivo Android 4.x come scambiare la scheda sd interna del nostro dispositivo Android con quella esterna, ma per molti utenti questo sistema risultava abbastanza complicato e dopo il test eccovi un’app che fa la stessa cosa in modo molto più semplice e senza armeggiare con nessun file di configurazione.L’app che ci permetterà di estendere la memoria del nostro dispositivo è Root External 2 Internal SD ed è stata sviluppata apposta per effettuare lo swap delle schede, interna ed esterna, del nostro smartphone o tablet Android. In parole povere questa app ingannerà Android facendogli credere che la scheda sd esterna è interna e viceversa.

Root External 2 Internal SD è stato sviluppato per Samsung S3 ed è preconfigurato per questo dispositivo, ma teoricamente può funzionare con qualsiasi dispositivo Android.

Ma ora vediamo subito come si fa.

Requisiti

  • Root del dispositivo (invalida la garanzia del vostro dispositivo)
  • Una scheda di memoria sd compatibile con il vostro dispositivo (possibilmente class 10 o comunque con buone prestazioni)
  • Init.d abilitato (se volete che Root External 2 Internal SD applichi la modifica ad ogni avvio/accensione)
  • Un file manager come Es File Explorer

Procedura

L’interfaccia di Root External 2 Internal SD è abbastanza spartana, ma ci permetterà abbastanza semplicemente di raggiungere il nostro scopo in pochi semplici passi che andiamo subito ad elencare:

  1. Installiamo Root External 2 Internal SD da Play Store o da 1Mobile (se il vostro dispositivo non è dotato di Google Play)
  2. Apriamo Root External 2 Internal SD e concediamo i permessi di root, quindi tappiamo sul pulsante “Settings”
  3. Selezioniamo “The original internal mounting point” e impostiamo “/mnt/sdcard/” (solitamente l’indirizzo della scheda sd interna è questo, ma può variare da dispositivo a dispositivo, quindi vi consiglio di verificare con un file manager come Es File Explorer o semplicemente analizzando l’output del comando “df” da emulatore terminale se siete un po’ più smaliziati. Comunque nel 90% dei casi è appunto “/mnt/sdcard/”)
  4. Ora selezioniamo “The original external mounting point” e impostiamo l’indirizzo della scheda sd esterna: in questo caso il file manager sarà fondamentale per capire quale il suo indirizzo (o punto di mount per i più tecnici) e basterà andare a sbirciare della cartella “/mnt/”…. In molti smatphone sarà “/mnt/sdcard-ext”, ma mi è capitato anche “/mnt/external_sd” o “/mnt/sdcard2″… Il mondo Android e vario.
  5. Abilitiamo “Send rescan” spuntandola
  6. Abilitiamo l’opzione “Use per default: Check to use custom attributes” spuntandola
  7. Quindi se conosciamo già il device relativo all scheda sd esterna selezioniamo “The ext. sdcard device access” ed impostiamo il valore relativo (ad es. /dev/block/vold/179:1). Se, invece, come più probabile non lo conoscete selezionate “View the different devices” e continuate a scorrere la pagina scegliendo, per tentativi, i device. Per avere maggiori possibilità di successo assicuratevi che alla voce “fs” sotto al device sia riportato “vfat” e che l’indirizzo dia il più possibile simile a “/dev/block/vold/xx:xx” dove al posto delle “x” troverete dei numeri
  8. Finita la configurazione tappiamo l’icona in alto a sinistra che ci riporterà alla schermata iniziale, quindi selezioniamo il pulsante “”Externa > Internal*”
  9. Ora usciamo dall’app e andiamo nelle Impostazioni di Android, quindi verifichiamo alla voce memoria se abbiamo ottenuto il risultato sperato. In caso positivo riapriamo Root External 2 Internal SD e tappiamo il pulsante “At boot if init.d enable!” che ci permetterà di applicare la modifica ad ogni avvio del dispositivo. In caso contrario tornate verificate che le impostazioni che avete immesso nel punto 3 e 4 siano corrette, quindi tornate al punto 7 e provate a selezionare un altro device.

E’ tutto! Adesso potete espandere a piacimento la memoria dei vostri smartphone e tablet Android.

Se sei riuscito ad espandere la memoria di Android grazie a questa guida posta un modello con Marca, Modello e configurazione: sarà un ottimo modo per ricambiare il favore e aiutare altri utenti come te.

Configurazioni Testate

Qui elencherò tutte le configurazioni testate e funzionanti reperite in rete o postate da voi:

  • Clementoni My First Clempad 13662

The original internal mounting point -> /mnt/sdcard/
The original external mounting point -> /mnt/external_sd/
The ext. sdcard device access -> /dev/block/vold/179:1

  • Motorola Droid Razr

The original internal mounting point -> /mnt/sdcard/
The original external mounting point -> /mnt/sdcard-ext/
The ext. sdcard device access -> /dev/block/vold/179:97

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai testato altre app? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!