Windows XP va in pensione. Come fare?

The following two tabs change content below.
Sono un graphic designer e mi occupo di pubblicità. Da più di 10 anni dedico le mie energie alla realizzazioni d'immagine aziendale e comunicazione visiva con un'attenzione alle nuove tecnologie del web. Da qualche anno ho scoperto il software open source e mi sono dedicato alla sua introduzione nel mio workflow produttivo ottenendo ottimi risultati.

Ultimi post di Filippo Porcari (vedi tutti)

Windows XP ci lascia

Windows XP dopo onorata carriera,
abbandona i suoi utenti

Come è ormai noto Windows XP va in pensione il prossimo 8 aprile perchè come ha già annunciato Microsoft sul suo sito web istituzionale cesserà di supportarlo.

Cosa significa?

Che il nostro PC con Windows XP continuerà a funzionare ma non verranno più fortini aggiornamenti e service pack, lasciandolo in balia nel prossimo futuro di possibili attacchi hacker perché nessuno provvederà a chiudere le falle informatiche di questo sistema operativo non ancora scoperte.

Microsoft inoltre ammette che i PC per i quali è stato progettato Windows XP generalmente sono troppo poco potenti per ospitare i nuovi sistemi operativi della software house di Redmond (tipo: Vista, Windows 7 e Windows 8.1).

Sembrerebbe proprio che per molti utenti, che per anni hanno usato il loro fidato PC e notebook, significherà dover sostituire il proprio hardware per poter godere di un sistema moderno ed affidabile.

E chi proprio non vuole cambiare il proprio computer?

Per gli affezionati del proprio PC vintage, oppure, perché no, per le aziende, su cui gravano già i problemi della crisi e posseggono magari un parco macchine numeroso e che quindi sarebbero costrette a spendere un sacco di soldi, esistono solo due soluzioni:

  1. Continuare ad usare il vecchio PC con windows XP esponendosi a rischi enormi, pensiamo a tutti i dati sensibili contenuti nei nostri computer.
  2. Cambiare sistema operativo, affidandosi a comunque a sistemi moderni, ma meno inclini a consumare risorse preziose.

Tux_e_XP

L’opzione numero 2 è quella che consiglio vivamente, perché i rischi a cui ci si esporrebbe altrimenti sarebbero troppo grandi e potrebbero procurare ingenti danni economici (vedi furto di identità e di carte di credito).

Fortunatamente, come già accennato, esistono altri sistemi operativi tra cui MacOSX di Apple, ma per questo è previsto l’acquisto di un costosissimo computer Apple e quindi torneremmo punto a capo, un’altro è sicuramente Linux nelle sua varie incarnazioni (leggi distribuzioni).

Lubuntu la distro leggera di casa CanonicalUna di queste è sicuramente Lubuntu.
Semplice e veloce versione della famosa Ubuntu, da cui deriva, ma dotata di un’interfaccia grafica più leggera e quindi parca di risorse, che possono quindi essere indirizzate al software di utililità vero e proprio (tipo i programmi da ufficio).

Interessantissima a mio parere e Zorin OS, una distribuzione sempre derivata da Ubuntu (ma non ne è una versione ufficiale) il cui scopo dichiarato è quello di aiutare gli utenti provenienti da altri sistemi a migrare a Linux senza traumi.
Per fare ciò viene distribuita con interfacce grafiche preconfigurate e selezionabili a scelta, che riproducono, nelle impostazioni e aspetto, i sistemi operativi più famosi tra cui è possibile scegliere XP(come è possibile vedere nell’immagine a fianco). Inoltre è disponibile al download una versione chiamata Lite proprio per computer poco potenti ed è possibile installare anche i software più diffusi per Windows.

In caso ci si sentisse poco sicuri in un passo così impostante si può sempre fare riferimento al LUG più vicino.

I LUG (Linux User Group) sono gruppi di volontari e utenti Linux che aiutano altri utenti a risolvere le difficoltà nell’uso di software open source organizzanto corsi di informatica di base e avanzata e fornendo assistenza.

Qui trovi la lista dei LUG italiani.

E quindi giusto far riposare il povero  Windows XP, che per molti anni ci ha accompagnato egregiamente (anche se qualche volta ci ha fatto penare) per passare a qualcosa di più moderno e affidabile.

Non esitare a lasciare commenti su perplessità o semplicemente per esporre la tua esperienza che sarà senz’altro gradita da tutti gli utenti di Tecnomani.com

Stay tuned….