Ecco Quali Sono i Migliori Dischi SSD del 2015

The following two tabs change content below.
Sono un ragazzo appassionato di tecnologia e di musica e cercherò di condividere con voi la mia passione, almeno la prima citata, attraverso gli articoli che scriverò!

I_Migliori_SSD_del_2015I dischi SSD sono dispositivi di archiviazione di massa che, a differenza degli hard disk, che utilizzano supporti magnetici, sfruttano la memoria flash. Questi dischi sono stati lanciati sul mercato già diversi anni fa, ma la loro popolarità era bassa, mentre adesso si stanno diffondendo sempre di più nel mercato e a poco a poco stanno sostituendo i tradizionali hard disk. Ciò sta avvenendo per via dei numerosi vantaggi che questi dispositivi garantiscono all’utente rispetto ad un hard disk, anche se c’è da dire che anche gli svantaggi non sono assenti.I motivi principali che hanno favorito la diffusione di questi dispositivi possono essere sintetizzati in 2 punti: velocità elevata e bassi consumi. Con gli SSD è infatti possibile raggiungere velocità di lettura e scrittura di file nettamente superiori a quelle garantite da un buon hard disk, ma il tutto ha un costo ovviamente più elevato, inoltre questi dischi non sono privi di “difetti”, infatti spesso gli utenti che li hanno utilizzati hanno lamentato alcuni rallentamenti degli SSD in seguito ad un riempimento della memoria e ad una cancellazione di dati; tale “difetto” è comunque risolvibile con la funzionalità TRIM, per cui niente di cui preoccuparsi troppo. Vediamo ora alcuni metri di giudizio riguardanti questi dispositivi per poi arrivare ad elencarne i migliori attualmente presenti sul mercato.

Visto che probabilmente sei in procinto di acquistare ed installare un SSD non perderti i nostri articoli su come configurare un SSD su Mac OS X correttamente e come spostare Windows su SSD senza reinstallare.

I migliori dischi SSD del 2015: perché acquistarne uno

Le unità a stato solido (come lo sono appunto gli SSD) sono ormai utilizzate da tempo all’interno dei dispositivi mobili come smartphone e tablet e ciò è dovuto alla loro grandezza estremamente ridotta e alla loro resistenza, ma utilizzare un disco SSD su un computer fisso o un portatile può davvero rivoluzionare la nostra esperienza, infatti con l’utilizzo di questa componente non bisogna nemmeno far tanto caso al processore del vostro computer; sia che il vostro pc monti un i7, sia un i5, sia un i3, le prestazioni riceveranno un miglioramento degno di nota.

Passando da un hard disk ad un disco SSD si nota un aumento della velocità, soprattutto agli inizi, davvero incredibile. Potrete notare pagine web che si aprono in modo quasi istantaneo e lo stesso vale per i software e le applicazioni, inoltre a ciò si aggiunge il fatto che questi dispositivi sono molto silenziosi e hanno una resistenza maggiore rispetto ai normali hard disk.

Mentre gli hard disk girano ad una velocità che va dai 90 ai 120 giri per secondo, gli SSD memorizzano i dati binari su dei chip di silicone resistenti agli urti e la memoria flash che viene utilizzata permette di scrivere e leggere i bit ad una velocità che è migliaia di volte maggiore di quello a cui siamo abituati.

I migliori dischi SSD del 2015: rapporto qualità-prezzo

Quando i dischi SSD non si stavano ancora diffondendo come sta succedendo oggi e la tecnologia era ancora qualcosa di estremamente nuovo i prezzi di questi dispositivi erano molto elevati, infatti si parla di circa 1,50€/2€ per ogni Gb di memoria presente sul dispositivo contro i circa 10 centesimi per Gb di valore per un hard disk. Con l’avanzare degli anni però i prezzi sono scesi parecchio e ora, nonostante non siamo ancora agli stessi pressi di un hard disk, è comunque possibile acquistare un disco SSD mantenendo un buon rapporto qualità-prezzo.

Con poco più di 100€ è infatti possibile acquistare un SSD di circa 256 Gb; si tratta di una quantità di spazio probabilmente molto bassa rispetto agli standard a cui ci hanno abituato gli hard disk, ma bisogna anche pensare al fatto che le prestazioni migliorano un bel po’ e questo fattore non può non essere incluso nel costo del SSD.

Bisogna considerare che negli ultimi anni si è cercato anche di sviluppare un dispositivo che fosse in grado di gestire nel modo più veloce possibile i file di grandi dimensioni, ma la realtà è che la maggior parte dei processi attivi sul proprio computer normalmente, quindi senza alcuna particolare attività in corso, richiede la gestione di file che sono grandi su per giù 4kb, ma anche più piccoli. Un disco SSD gestisce file di piccola dimensione in modo estremamente performante ed è proprio questo dettaglio che regala al proprio pc una velocità maggiore con l’installazione di questi dispositivi; d’altra parte più grandi sono i file e più la differenza di prestazioni tra un SSD ed un hard disk diventa sottile, ma da tutto questo ragionamento credo che possiamo concordare sul fatto che l’utente ne guadagna comunque e non poco.

Se gli utenti si accontentano in genere di sapere che questi dischi permettono delle prestazioni migliori rispetto agli hard disk ce ne sono poi altri che vogliono sperimentare quale sia la prestazione migliore ottenuta da questi SSD anche nel caso delle “workstation” e test del genere avvengono per lo più su file di piccola dimensione, dove possono essere misurate le prestazioni in base al numero di operazioni di input ed output possibili in un secondo (generalmente abbreviate con IOPS). Attualmente il test migliore ha permesso di raggiungere quota 100.000 IOPS, il che è stato possibile grazie alla possibilità di far lavorare più dispositivi in parallelo.

I migliori dischi SSD del 2015: consigli per l’acquisto

Ribadiamo che i dischi SSD garantiscono performance assai migliori degli hard disk, ma c’è da dire che ancora questi dispositivi non hanno raggiunto il loro limite, per cui ci si aspetta che nei prossimi anni saranno messi sul mercato alcuni dischi con capacità e prestazioni ancora migliori di quelle garantite dagli attuali SSD. Tuttavia comprare uno adesso non si rivela comunque un errore visto il già grande miglioramento che esso porterebbe alla propria esperienza su pc.

Al momento questi dischi sono stati utilizzati maggiormente dalla Apple che li ha montati sui suoi computer di ultima generazione, ma ora stanno entrando a far parte anche dell’universo Windows, anche se la maggioranza dei computer continua a montare hard disk. Al momento se si decide di acquistare un SSD per installarlo sul proprio computer si ricadrà probabilmente in un interfaccia Serial ATA 3.0, la quale ha un bus di 6Gb/s di velocità nominale, ma in realtà raggiunge massimo i 550 Mb/s.

Le prestazioni comunque variano abbastanza a seconda dell’azienda che produce il disco e dal modello, per cui bisogna analizzare per bene tutto ciò che offre il mercato prima di procedere con l’acquisto. Nell’elenco che vi presenteremo a breve sono comunque presenti i dischi SSD con le migliori prestazioni ed il miglior rapporto qualità-prezzo del momento, per cui non dico che dovete prenderla come verità assoluta, ma può sicuramente essere un buon punto d’inizio per analizzare quale dispositivo fa al caso vostro.

Un ultimo consiglio in merito all’acquisto di questi dischi è quello di dare molta importanza al periodo di garanzia offerto dall’azienda costruttrice, infatti questa tecnologia non ha ancora raggiunto la massima stabilità e potrebbero verificarsi problemi durante un periodo di utilizzo lungo ed è meglio prevenire tali problemi. Ancora non è da sottovalutare un aspetto molto importante, ovvero il fatto che i dischi SSD hanno dei limiti di scrittura oltre i quali non sarà più possibile scrivere file su determinate celle di memoria e sarà possibile solamente leggere tale celle di memoria. Questi limiti sono molto alti, ma il concetto è abbastanza relativo, tutto dipende dall’utilizzo che si fa del proprio computer ed è quindi importante dare un occhio a questi limiti che sono riportati tra le specifiche di ogni disco SSD per capire quale fa al caso nostro.

Un’ultima cosa prima di passare avanti: informatevi che l’azienda che produce il dispositivo che siete intenzionati ad acquistare garantisca supporto e che rilasci quindi firmware relativi alla piattaforma che intendete utilizzare. In questo modo, anche se ci saranno problemi, sarà molto più probabile che essi vengano risolti tramite un aggiornamento.

I migliori dischi SSD del 2015: quali sono e perché

Inizialmente l’azienda che che ha prodotto i migliori dischi SSD era la Intel, ma poi sembra aver perso interesse nella produzione di questi componenti e non ha più sfornato dei dispositivi ottimi. Tuttavia il disco SSD Pro 2500 si guadagna un posto tra i migliori dischi attualmente disponibili sul mercato. Questo dispositivo utilizza un controller SandForce un po’ datato, ma ancora molto valido e una crittografia hardware necessaria per evitare rallentamenti dovuti alla dipendenza da compressione dovuta ad un sistema operativo con software crittografati. Ne risulta quindi un disco SSD con un prezzo basso, spazio abbastanza limitato ed una garanzia di 5 anni, ma che fa bene il suo lavoro.

C’è poi il disco SSD della Kingston, HyperX Savage, azienda che continua a sfornare prodotti con design molto colorati ed accattivanti, così come lo sono i nomi stessi dei prodotti. Questa strategia mira a conquistare il mercato dei videogiocatori, ma è quasi più fumo che arrosto, infatti le prestazioni non sono poi così eccezionali ed il supporto garantito dall’azienda è piuttosto scarso, sia a livello di aggiornamenti, sia per la durata scarsa della garanzia.

Abbiamo poi l’SSD MX 200 della Crucial, che è forse il disco che è andato per la maggiore tra coloro che hanno deciso di aggiornare il proprio computer sostituendo all’hard disk un SSD. Rispetto ai dischi rilasciati in precedenza da questa azienda è possibile notare un cambiamento nella qualità dei materiali, meno costosi, così da massimizzare il guadagno. D’altra parte, sempre comparandolo al precedente M550, c’è stato un miglioramento nelle prestazioni, inoltre, se si analizza il costo relativo ad ogni Gb, questo dispositivo è tra i più economici sul mercato ed è altamente supportato dall’azienda costruttrice con firmware e strumenti per farlo funzionare su ogni piattaforma.

Passiamo al marchio OCZ che merita un posto nella classifica per il suo ARC 100, il quale è forse il migliore per quanto riguarda il rapporto qualità-prezzo, anche se non è il migliore per quanto riguarda le prestazioni.

Tra i migliori in assoluto troviamo invece l’SSD della SanDisk, l’Extreme Pro, e l’850 Pro della Samsung. Entrambi sono stati rilasciati sul mercato circa 1 anno fa, ma c’è da dire che non sono stati ancora superati in termini di prestazioni da altri dispositivi della stessa categoria. Quando la SanDisk rilasciò l’Extreme Pro fu la prima a garantire al consumatore 10 anni di garanzia, ma la Samsung seguì subito le sue orme applicando la stessa strategia per il suo disco. Questi due SSD garantiscono un prezzo per Gb di poco più elevato rispetto a quello dei dispositivi Crucial, ma le prestazioni sono sicuramente migliori, inoltre è degno di nota il semiconduttore 3D del disco SSD Samsung, grazie al quale è possibile stimare che rimarrà tra i dispositivi migliori fino al 2020 almeno, anche se con la tecnologia non si sa mai cosa può succedere.

I migliori dischi SSD del 2015: la classifica

6. Intel SSD Pro 2500

INTEL Pro 2500 SSD 240GB 2.5 pollici 7mm SATA 6Gb/s 20Il miglior disco SSD della Intel, che si guadagna un posto in classifica grazie all’impegno iniziale dell’azienda in questo settore. È probabile che, con un impegno più duraturo, Intel avrebbe potuto guadagnarsi un posto più alto in classifica con un disco migliore. Ha uno spazio di 240 gb e viene venduto ad un costo di circa 177€, con incluso il sistema di protezione Opal 2.0, il quale è disponibile anche su altri dischi, come quello Crucial e quello Samsung. Questo disco eccelle se accostato a componenti più datati e non di ultima generazione. Il benchmark di questo disco effettuato con CrystalDiskMark ha restituito un punteggio di 485 per la lettura e di 291 per la scrittura dei file. Con AS SSD ha invece ottenuto un punteggio di 721.

5. Kingston HyperX Savage SSD

 Kingston HyperX SHSS37A/480G Savage SSD, 480GB, SATA 3, 2.5", Rosso/Nero Il disco della Kingston è un buon disco e attira sicuramente i videogiocatori. Tuttavia le prestazioni sono inferiori ai dischi Samsung e SanDisk, ma si tratta comunque di un buon SSD. Il prezzo è di circa 260€ con uno spazio di archiviazione di 480 Gb (ma in questo momento puoi trovarlo a €190,23 su Amazon.it). Il benchmark di questo disco effettuato con CrystalDiskMark ha restituito un punteggio di 489 per la lettura e di 478 per la scrittura dei file. Con AS SSD ha invece ottenuto un punteggio di 1140.

4. Crucial MX200

 Crucial MX200 SSD 1TB, Argento Il disco SSD della Crucial ha sicuramente il costo più basso per ogni Gb di spazio e sono disponibili diversi modelli con diversi spazi di archiviazione. È possibile acquistarne uno da 500 Gb per circa 215€ ed uno da 1 Tb per circa 420€ (ora scontato a 366,14 su Amazon.it), quindi per un costo di circa 0,42€ per ogni Gb (o 37 centesimi se lo acquisti in sconto). È quindi tra i migliori per rapporto qualità-prezzo, le prestazioni sono buone, ma inferiori a quelle dei primi posti in classifica. Il benchmark di questo disco effettuato con CrystalDiskMark ha restituito un punteggio di 438 per la lettura e di 480 per la scrittura dei file. Con AS SSD ha invece ottenuto un punteggio di 954.

3. SanDisk Extreme Pro

 SanDisk Extreme Pro Memoria a Stato Solido SSD 480 GB Il primo lato positivo di questo disco è la garanzia di 10 anni, inoltre le prestazioni sono davvero ottime e, anche se il costo non è basso come quello del dispositivo Crucial, esso è giustificato dalle sue prestazioni. È poi ammirevole che sia uscito 1 anno fa ed è ancora tra i migliori in circolazione. Il prezzo è di circa 248€ per 480 Gb di spazio (220,78€ scontato su Amazon.it). Il benchmark di questo disco effettuato con CrystalDiskMark ha restituito un punteggio di 513 per la lettura e di 490 per la scrittura dei file. Con AS SSD ha invece ottenuto un punteggio di 1102.

2. Samsung 850 Pro

 Samsung MZ-7KE1T0BW SSD 850 PRO, 1TB, 2.5" SATA III, Nero/Rosso Anche il disco SSD della Samsung dà all’utente 10 anni di garanzia e anche questo qui è uscito 1 anno fa, ma nonostante ciò si piazza al secondo posto, quasi a pari merito del SanDisk, ma un tantino superiore. Rappresenta la migliore soluzione per un computer basato sul Serial ATA ed è disponibile ad un prezzo di circa 515€ per uno spazio di 1 Tb (484,30€ in sconto su Amazon.it). Il benchmark di questo disco effettuato con CrystalDiskMark ha restituito un punteggio di 508 per la lettura e di 482 per la scrittura dei file. Con AS SSD ha invece ottenuto un punteggio di 1145.

1. OCZ ARC 100

 OCZ Arc 100 SSD da 240GB, 2.5" SATA 3, 6Gb/s, Blu/Silver Si guadagna il primo posto il disco SSD dell’azienda OCZ, infatti l’ARC 100 è un ottimo dispositivo, con prestazioni elevate ed un ottimo supporto ed una buona durata della garanzia, la quale è di 3 anni, ma è particolare, infatti non necessita di scontrino, bensì basta il numero seriale del dispositivo e, se il supporto riconosce il difetto segnalato dal consumatore, allora l’azienda invia preventivamente un nuovo disco al consumatore prima di richiedere l’invio del prodotto difettoso, il tutto con costi di spedizione pari a 0€. Il prezzo è anch’esso conveniente, infatti si parla di circa 97€ per 240 Gb di spazio (a partire da €96,15 su Amazon.it). Il benchmark di questo disco effettuato con CrystalDiskMark ha restituito un punteggio di 427 per la lettura e di 432 per la scrittura dei file. Con AS SSD ha invece ottenuto un punteggio di 973.

Questa è la nostra classifica per quanto riguarda i migliori dischi SSD del 2015. Speriamo di esservi stati d’aiuto.

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Cosa ne pensi? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!