Guida al root di Samsung Galaxy S3 Mini GT-i8200

The following two tabs change content below.
Sono un ragazzo appassionato di tecnologia e di musica e cercherò di condividere con voi la mia passione, almeno la prima citata, attraverso gli articoli che scriverò!

galaxy s3 mini gt-i8200

Eseguire il root di un dispositivo Android è ormai una procedura praticata da tantissimi utenti. Android un sistema operativo mobile presente su tantissimi smartphone prodotti da molte aziende sparse nel mondo ed è utilizzato quindi da milioni di utenti. I motivi per cui numerosi utenti preferiscono Android agli altri sistemi operativi per smartphone possono essere tanti, ma ce n’è uno su tutti, ovvero la possibilità di personalizzare al massimo il proprio dispositivo. Tale possibilità è ampliata ancora di più nel momento in cui si ottengono i permessi di root sul proprio dispositivo, per cui è piuttosto normale che molti utenti vogliano ottenere tali permessi. In questo articolo noi vi fornimero una guida al root di Samsung Galaxy S3 Mini GT-i8200.

La guida che stiamo per proporvi è pensata specificamente per il Samsung Galaxy S3 Mini GT-i8200, infatti se seguirete la stessa procedura con un altro dispositivo essa molto probabilmente non avrà effetto e questo perché ottenere i permessi di root non è possibile seguendo una procedura standard per ogni tipologia di smartphone o tablet. I permessi di root sono permessi che dovrebbero poter utilizzare esclusivamente gli sviluppatori, mentre gli utenti normali dovrebbero starne alla larga. Ciò è dovuto al fatto che con tali permessi è possibile fare di tutto col proprio dispositivo e se non si è esperti e cauti si rischia di danneggiarlo, anche irreparabilmente.

Per i motivi sopra riportati gli sviluppatori non rendono disponibili tali permessi agli utenti che acquistano uno smartphone o un tablet Android e l’unico modo per ottenerli consiste nel trovare delle sorte di “falle” all’interno del sistema operativo e di utilizzarle per accedere e sbloccare questi permessi. La procedura invalida la garanzia e non è affatto priva di rischi, infatti applicandola potreste addirittura compromettere irreversibilmente il vostro dispositivo, per cui pensateci bene prima di proseguire, inoltre è importante utilizzare con cautela il root per evitare di compromettere il funzionamento del sistema operativo. Un utente inesperto potrebbe, ad esempio, cancellare un file di sistema fondamentale e compromettere così l’intero funzionamento di Android e del dispositivo.

Se siete però consapevoli dei rischi che correte e ritenete di essere abbastanza esperti da poter utilizzare senza pericolo i permessi di root allora continuate con la lettura di questo articolo e seguite la procedura che vi proponiamo. Prima di passare alle istruzioni vere e proprie è bene però prendere qualche precauzione.

Quando si effettua il root su un dispositivo per ottenere i permessi di root c’è, come già accennato, il rischio di danneggiare irreparabilmente il proprio dispositivo e questo ormai l’abbiamo capito. Dovete inoltre sapere che seguendo tale procedura non dovrebbero andare persi i dati presenti sul proprio dispositivo, ma qualcosa potrebbe andare storto e potrebbero andarci per sotto i vostri dati, per cui vi consigliamo e vi raccomandiamo di effettuare un backup di tutti i dati presenti sul vostro dispositivo, così non perderete nulla nel caso in cui qualcosa vada storto. A tal proposito vi ricordiamo di leggere due precedenti articoli in cui parliamo applicazioni molto utili in questi casi, il primo articolo è relativo ad un’app per effettuare backup e ripristino degli sms gratuitamente e il secondo relativo ad un’app per effettuare backup e ripristino del registro delle chiamate gratis. A questo punto possiamo passare alla procedura vera e propria.

Disclaimer

Questo articolo è fornito così com’è (“As is”), a scopo puramente informativo e didattico. L’autore e il sito che ospita questo articolo non potranno essere ritenuti responsabili per le conseguenze in termini di danni materiali e responsabilità legali che scaturiranno dall’utilizzo delle informazioni in esso contenute. L’unico responsabile di ogni conseguenza delle tue azioni sei Tu: se continui nella lettura dichiari di aver compreso ed accettare queste condizioni.

Procedura per il root di Samsung Galaxy S3 Mini GT-i8200

Dopo le vari premesse siamo giunti alla procedura vera e propria per effettuare il root di Samsung Galaxy S3 Mini. Eccola nel dettaglio:

  1. Attivate la modalità USB Debug sul vostro dispositivo. Per farlo dovrete andare nelle impostazioni, selezionare le opzioni sviluppatore e mettere una spunta alla voce “Debug USB”. Nel caso in cui non avete ancora sbloccato le opzioni sviluppatore sul vostro dispositivo allora potete farlo molto semplicemente andando in Impostazioni–>Altro–>Info sul dispositivo–>premete 5 volte sulla voce “Versione build”; così facendo comparirà tra le voci delle impostazioni anche la voce “Opzioni sviluppatore”.
  2. Effettuate il download di Root Genius tramite questa pagina.
  3. Aprite Root Genius sul vostro computer (questo software è compatibile esclusivamente con Windows).
  4. Collegate il vostro dispositivo al computer tramite cavo USB e attendete che Root Genius rilevi con successo il dispositivo collegato.
  5. Dovrebbe comparirvi una schermata con un grande tasto circolare e sotto questo tasto la scritta “You don’t have root access yet”; fate click sul tasto circolare con su scritto “Root now”.

A questo punto non dovete far altro che attendere che il processo di rooting avviato tramite il software in questione giunga al termine. Appena il processo termina dovreste trovare sul vostro dispositivo un’applicazione chiamata “KingUser”; se essa è presente allora il processo è andato a buon fine e avete ora i permessi di root sul vostro dispositivo, per cui potete procedere con le personalizzazioni e tutto ciò che vi sarà possibile fare da questo momento in poi. Tutto ciò è possibile grazie al lavoro dello sviluppatore noto come SJRoot che ha sviluppato il software Root genius.

Nel caso in cui, una volta effettuata questa procedura sul vostro dispositivo, vi rendete conto che non avete necessità dei permessi di root o comunque, per qualsiasi altro motivo volete, fare marcia indietro allora potete farlo molto semplicemente seguendo queste brevi istruzioni:

  1. Aprite l’app Kinguser.
  2. Selezionate le impostazioni dell’app.
  3. Selezionate la voce “Remove Root Permission”.

Ecco fatto, potrete così rimuovere i permessi di root dal vostro dispositivo.

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai testato altri sistemi o hai apportato delle modifiche? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!