Crescita record del e-commerce italiano: la rivoluzione dei codici sconto

The following two tabs change content below.

Gianni M.

Sono da sempre uno smanettone… Ormai non più in erba, ma sempre desideroso di conoscere, scoprire, ogni cosa che abbia a che fare con tecnologia e dintorni.

Money-Pig-iconIn questo articolo vedremo come il modello di marketing dei codici sconto stia influenzando positivamente la crescita del e-commerce italiano, grazie al forte risparmio che possono generare, ma anche grazie al passa parola e all’appagante esperienza d’acquisto che ne deriva.

Abbiamo già trattato questo argomento in precedenza, quindi per chi volesse saperne di più sui codici sconto date un’occhiata all’articolo Come risparmiare sullo shopping online con i coupon.

L’ e-commerce italiano a dispetto della crisi continua a registrare una crescita a due cifre: nel 2013 ben un +17% ed un fatturato stimato per quest’anno di 11 miliardi di euro. Un successo veramente notevole che è determinato, oltre che dall’aumento della spesa media online (chi acquista online spede, singolarmente, sempre di più), anche dalla crescita del numero di e-shopper, che nel Natale 2012 hanno toccato i 14 milioni di unità.

Questo scenario è determinato da diversi fattori:

Sempre più consumatori sono attratti all’acquisto attraverso il commercio elettronico grazie al risparmio che promette (e mantiene), alla comodità ed alla sicurezza sempre maggiore.
Crescita del commercio mobile: con il boom di smartphone e tablet e della connettività a banda larga mobile a prezzi accessibili era facile da immaginare ed è probabile che il trend positivo continui ancora per molto
Diffusione di modelli di marketing virali come quello dei codici sconto che permettono al consumatore di ottenere forti sconti e ai venditori di veicolare traffico verso il proprio sito, acquisire nuovi clienti e fidelizzarli.

Per quanto concerne il primo fattore i motivi sono da ricercare in un cambio di mentalità nel momento in cui ci si approccia al commercio elettronico: infatti, è cresciuta la percezione di sicurezza del consumatore che acquista con la consapevolezza che,usando i dovuti accorgimenti, si è assolutamente tutelati da possibili truffe di venditori senza scrupoli. Inoltre, il modello di commercio elettronico permette di ridurre notevolmente i costi fissi dei venditori, che quindi offrono prezzi migliori ai propri clienti: a seconda del tipo di bene il possibile risparmio è variabile, ma, normalmente, non è difficile trovare prezzi inferiori rispetto ai negozi “fisici” inferiori del 10-20%, con punte anche maggiori. Da non sottovalutare, la comodità di ricevere il tutto direttamente a casa propria, valutando tranquillamente le diverse offerte seduti in poltrona, senza dover investire tempo e sottoporsi allo stress del traffico per girare tra i vari negozi, ecc…

Per quanto concerne la crescita del commercio mobile, gli ultimi dati statici mostrano una crescita del 160% rispetto all’anno precedente (bisogna sottolineare che il dato 2012 di 430 milioni di euro era esiguo, ma questo dimostra proprio la creazione di un nuovo mercato praticamente da zero). Sicuramente un boom, dovuto ai fattori già citati, che è destinato non solo a stabilizzarsi, ma ad una ulteriore crescita.

Di notevole interesse è l’analisi è il fenomeno dei codici sconto, un modello di marketing di sicura efficacia, poiché comprovato dai risultati ottenuti all’estero, dove viene già impiegato con successo da anni per aumentare il numero di clienti, che possono spuntare buoni affari, e fidelizzarli grazie a campagne mirate, che garantiscono ai clienti che ritornano ad acquistare di poter continuare a rinnovare il risparmio.

L’utilizzo dei codici sconto è in continua crescita e, come dimostra lo studio del sito Super-Offerte.com, uno dei principali operatori italiani nel settore, l’ evoluzione del comportamento e delle abitudini degli utenti italiani promettono di garantirne ottime potenzialità di crescita anche nel prossimo futuro.
Gli utenti che cercano i codici sconto per risparmiare nello shopping online sono in continuo aumento, e dai dati forniti dal sito Super-Offerte.com emerge come essi siano cresciuti del 45% nel II trimestre 2013 rispetto a quanto registrato nel trimestre precedente. Il picco più elevato di ricerche nel corso degli ultimi 12 mesi è stato raggiunto nel periodo natalizio.
Nel 54% dei casi la ricerca online dello sconto è stata compiuta durante il processo di acquisto (la restante parte,invece, è avvenuta in fase di pre-acquisto).
“Gli utenti internet italiani dimostrano di credere nel commercio elettronico e nei vantaggi che ne derivano, come per esempio la velocità nell’individuazione del prodotto e la convenienza economica rispetto ai prodotti acquistabili nei canali tradizionali. Quest’ultimo punto” – dichiara Giovanni Caglioni, co-fondatore di Super-Offerte.com – “è enfatizzato grazie all’utilizzo dei codici sconto. Ad oggi sono presenti nel nostro sito oltre 300 siti di e-commerce italiani e più di 800 offerte tra codici sconto e promozioni.”
L’analisi, inoltre, ha evidenziato qual sia lo sconto medio ottenuto nei principali settori merceologici dagli utenti che hanno utilizzato i codici sconto:

Settore

Scontrinomedio

Risparmio

medio

Viaggi,hotel,voliaerei,

443

32

Elettrodomestici,prodottitecnologici,

260

12

Abbigliamento,scarpe,

107

10

Software,giochionline,

52

7

Libri,DVD,CD,eBook,

37

5

L’esigenza di monitorare questa evoluzione importante del e-commerce del bel paese ha spinto Super-Offerte.com ad istituire un Osservatorio permanente sui codici sconto, con l’obiettivo di offrire al mercato e ai media una visione puntuale e di ampio respiro del fenomeno.