Come Spiare un Cellulare con mSpy – Keylogger Android

The following two tabs change content below.

Gianni M.

Sono da sempre uno smanettone… Ormai non più in erba, ma sempre desideroso di conoscere, scoprire, ogni cosa che abbia a che fare con tecnologia e dintorni.

mSpy-app-monitoraggio-spia-keylogger-androidIn passato abbiamo già parlato di software spia per Android e iOS e di come spiare Whatsapp, ma questa volta voglio andare oltre presentandoti “il software” di riferimento per il monitoraggio dei dispositivi mobili e fissi parlandoti di mSpy (anche noto come My Spy), famoso software spia di cui hanno parlato, tanto per citare i più famosi,  The Next Web, The New York Times, USA Today, and Daily Mail: se vuoi spiare un cellulare, o ti serve un keylogger Android, mSpy è il software più completo disponibile sul mercato.

Premessa

I principali vantaggi di mSpy sono: la grande compatibilità con i più diffusi sistemi operativi mobili (Android, iOS) ed il numero di funzioni messe a disposizione (Snapchat, Monitoraggio SMS, Localizzazione GPS, Accesso alla Cronologia di Navigazione, Monitoraggio WhatsApp, Monitoraggio Skype, Keylogger, Geo-Fencing, ecc). Ma mSpy non è soltanto mobile: ne esiste anche una versione per sistemi desktop, ma magari ne parleremo un’altra volta.

Questa applicazione è stata sviluppata per utilizzi legali come il monitoraggio di persone informate ed il controllo parentale.

Disclaimer

Questo articolo è fornito così com’è (“As is”), a scopo puramente informativo e didattico. L’autore e il sito che ospita questo articolo non potranno essere ritenuti responsabili per le conseguenze in termini di danni materiali e responsabilità legali che scaturiranno dall’utilizzo delle informazioni in esso contenute. L’unico responsabile di ogni conseguenza delle tue azioni sei Tu: se continui nella lettura dichiari di aver compreso ed accettare queste condizioni.

Requisiti

L’utilizzo di questo software richiede alcuni requisiti:

  • Android 4.0 o superiore
  • iOS dalla versione 6 alla 8.1.2
  • Root o Jailbreak del dispositivo (consigliato)

In realtà l’utilizzo di questo software non è precluso agli utenti il cui dispositivo è privo dei permessi di root o di jailbreak, a questo scopo puoi verificare le funzionalità disponibili. Allo stesso link è possibile verificare la compatibilità con il proprio dispositivo (anche se la compatibilità è molto più estesa di quella dichiarata, per ovvie ragioni).

Il Test

Finalmente ci siamo: ma com’è e come funziona questo mSpy? Visto che ci siamo stiliamone anche un breve tutorial (sul sito è disponibile una sezione di aiuto molto ben fatta, dove però manca ancora l’italiano. Niente paura: quando andrai ad aggiungere un dispositivo ti verrà mostrato un tutorial in italiano che ti spiegherà come fare).

Per il test ho usato il mio fido S3 Neo, quindi il tutorial sarà più indicativo per Android, ma per iOS cambia veramente poco e comunque trovi tutti i dettagli nella guida ufficiale.

Bene, andiamo al sodo:

  1. Attiva le Sorgenti sconosciute in Impostazioni -> Sicurezza, quindi disabilita Verifica applicazioni2015-04-10 00.00.32
  2. Apri il il browser Android, o Chrome (consigliato, io non sono riuscito a scaricare l’app con il browser stock), e digita l’indirizzo seguente per scaricare il programma: http://kypler.com/android/ (questo indirizzo in futuro potrebbe cambiare, quindi attieniti alle istruzioni che ti verranno inviate) 2015-04-10 00.09.03
  3. Inserisci il codice alfanumerico (detto captcha), quindi inizia lo scaricamento toccando il pulsante “Download” 2015-04-10 00.06.59
  4. Bene, il download durerà pochissimo, infatti il file pesa solo 5,72Mb: a scaricamento terminato apri il file bt.apk direttamente toccando sulla relativa notifica, oppure da Menù -> Download Download
  5. In alcuni casi potrebbe chiederti con quale applicazione aprire il file: scegli Installazione_pacchetti
  6. Scorri la lista dei permessi richiesti dall’app con “Successivo”, quindi tocca il pulsante “Installa” per procedere all’installazione e attendi che il processo venga terminato 2015-04-10 00.10.07
  7. Dovrai seguire la procedura guidata, saranno necessarie, rispettivamente, le seguenti azioni: Continua -> Accetta -> Verifica che la visualizzazione dell’icona sia disabilitata -> Continua -> Attiva -> ConcediInstallazione1Installazione2 
  8. Ora torna a pc e vai al tuo account mSpy, entrando con le credenziali che ti sono state fornite dopo l’acquisto del software Schermata del 2015-04-14 00:41:23
  9. Scorri la pagina fino in fondo e, dal menu a sinistra, seleziona “Gestione dispositivi”, quindi scegli il tipo di dispositivo che vuoi monitorare (nel nostro caso Android) Schermata del 2015-04-10 02:14:33
  10. Clicca sul pulsante “Procedi” per confermare e ottenere il codice di registrazione Schermata del 2015-04-10 02:18:18
  11. Inserisci il codice ottenuto nell’app Android, quindi conferma per completare l’installazione (riceverai, quindi, notifica del completamento dell’installazione)Codice

L’installazione è ora terminata, ma i passaggi successivi serviranno a completare la configurazione del dispositivo (ovviamente ti rimando sempre alla guida ufficiale per ogni approfondimento)

Cancelliamo le tracce

Tutte le operazioni sopra citate hanno lasciato qualche traccia nel dispositivo, quindi è bene provvedere alla rimozione:

  1. Cancelliamo le notifiche relative allo scaricamento dell’apk: scorri verso in basso, come se fosse una tendina, la barre delle notifiche di Android in modo da mostrare l’area notifiche, quindi tocca il pulsante “Cancella notifiche” per cancellarle tutte o cancella la singola notifica relativa al download
  2. Cancella la cronologia dei download: Menù -> Download -> Seleziona quello che vuoi cancellare -> Premi il pulsante cestino in alto a destra 2015-04-10 00.20.13
  3. Cancella la cronologia di Chrome: Menù contestuale -> Impostazioni -> Privacy -> Cancella dati navigazione -> Pulsante “Calcella”2015-04-10 00.21.32

Abilitiamo quello che ci serve

Perché il monitoraggio possa avvenire dobbiamo accertarci che alcune impostazioni siano abilitate:

  1. Abilitiamo i dati: Wi-fi e 3G. Così avremo la certezza che il dispositivo sia sempre connesso ad internet
  2. Abilitiamo il GPS
  3. Abilitiamo il keylogger Android: Impostazioni -> Lingua e inserimento -> Su “Predefinito” seleziona “italiano – Tastiera di default” -> Spunta solo “Tastiera di default – italiano” 2015-04-10 00.29.08

Come disinstallare mSpy

Terminato il periodo di monitoraggio è probabile che tu voglia disinstallare l’app, cosa per la quale avrai nuovamente bisogno di intervenire direttamente sul dispositivo.

Vediamo come disinstallare mSpy:

  1. Vai su Impostazioni -> Sicurezza -> Amministratori dispositivo2015-04-10 00.55.18
  2. Seleziona “Servizi di aggiornamento”, quindi “Disattiva” Servizio
  3. Vai in Impostazioni -> Gestioni Applicazioni  nel task “Scaricate” cerca e seleziona “System process” (nel nostro caso 4.12.2.2), quindi Svuota cache -> Cancella dati -> Disinstalla 2015-04-10 00.56.40

Bene, direi che è proprio tutto!;) Per approfondimento e supporto sul sito di mSpy troverete una risposta a tutte le vostre domande.

Facciamoci i fatti miei

Per dimostrare che la demo presente sul sito ufficiale non è affatto ingannevole ecco qualche screenshot delle varie informazioni, divise per sessioni, a cui è possibile accedere dal proprio account mSpy:

 Dal Cruscotto possiamo avere una panoramica delle informazioni prindipali sul dispositivo:Schermata del 2015-04-10 02:22:32

Schermata del 2015-04-10 02:37:49Da Visualizza contatti possiamo leggere tutto il contenuto della rubricaSchermata del 2015-04-10 02:22:40Visualizza chiamateSchermata del 2015-04-10 02:22:45Visualizza SMSSchermata del 2015-04-10 02:22:58Visualizza Whatsapp: per leggere tutte le conversazioni di WhatsappSchermata del 2015-04-10 02:25:00Facebook monitoraggioSchermata del 2015-04-10 02:25:06Possiamo scoprire quali sono le applicazioni installateSchermata del 2015-04-10 02:25:14Da Gestione dispositivi abbiamo il cellulare in pugnoSchermata del 2015-04-10 02:32:30Leggere le email Schermata del 2015-04-10 02:33:17Cronologia web: per sapere quali siti sono stati visitati Schermata del 2015-04-10 02:33:23Guardare i VideoSchermata del 2015-04-10 02:33:31Visualizzare le fotoSchermata del 2015-04-10 02:33:37Monitorare la posizioneSchermata del 2015-04-10 02:34:02Con il keylogger Android possiamo visualizzare tutto ciò che viene digitato, comprese le password e altro. Importante: l’aggiornamento non avviene in tempo reale, quindi basterà avere pazienza  Schermata del 2015-04-10 02:35:30

Questo non voleva essere un elenco completo delle funzionalità, ma ho riportato quelle a mio avviso più utili: mSpy ha troppe caratteristiche per riuscire a sviscerarle tutte…

Conclusioni

mSpy in questo test mi ha veramente impressionato positivamente: mentre lo usi non solo puoi monitorare un dispositivo “bersaglio”, ma hai la sensazione di averne il pieno controllo in modo del tutto trasparente all’utilizzatore del dispositivo che non si rende affatto conto di ciò che sta accadendo, complice l’assoluta leggerezza dell’applicazione che non influisce assolutamente sul normale funzionamento del dispositivo stesso, che non avrà per te alcun segreto.

Come tutte i prodotti d’eccellenza anche questo software ha un prezzo proporzionato alle prestazioni e all’affidabilità che offre: €35,99 per 1 mese di utilizzo della versione Base (con alcune funzionalità disabilitate) e €59,99 per 1 mese della versione Premium (che offre tutte le funzionalità disponibili).

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai testato altri sistemi? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!