Come Eseguire App Android con Chrome su Windows Mac Linux

The following two tabs change content below.

Carlo Principe

Passione, dedizione e curiosità sono le tre parole chiave che accompagnano la mia vita tecnologica. May the Force be with you!

App_Android

Gli smanettoni più incalliti non possono fare a meno delle proprie app neanche quando si lavora o si studia al PC, vediamo insieme quindi come eseguire app Android con Chrome su Windows e su sistemi operativi quali Mac e Linux.

Premessa

Con un po’ di pazienza e di buona volontà è possibile far girare app Android su Chrome. Google ha ufficialmente portato 4 app Android sui Chromebooks: ciò significa che ormai manca poco affinché le app siano disponibili ufficialmente sul browser Chrome.

Se sei un tipo impaziente vediamo come render disponibile immediatamente questa funzionalità sul browser. La procedura è valida per Chrome su Windows, ma ovviamente funziona correttamente anche su Linux e Mac.

Disclaimer

Questo articolo è fornito così com’è (“As is”), a scopo puramente informativo e didattico. L’autore e il sito che ospita questo articolo non potranno essere ritenuti responsabili per le conseguenze in termini di danni materiali e responsabilità legali che scaturiranno dall’utilizzo delle informazioni in esso contenute. L’unico responsabile di ogni conseguenza delle tue azioni sei Tu: se continui nella lettura dichiari di aver compreso ed accettare queste condizioni.

Requisiti

Prima di iniziare, però, abbiamo bisogno di scaricare e installare ARChon Custom Runtime.

Questa estensione di Chrome,nonostante sia non ufficiale e poco stabile, permetterà alle app Android di funzionare in modo appropriato.

Sono disponibili tre modalità differenti di download in base alla versione del nostro browser. Per verificare quale versione possediamo (32 o 64 bit), inseriamo nella barra degli indirizzi del browser “chrome://chrome” oppure clicchiamo sul bottone in alto a destra e selezioniamo “Informazioni su Google Chrome” più in basso.
Informazioni_su_Google_Chrome

Informazioni_su_Versione_Google_Chrome

Procedura

Una volta scaricata la corretta versione (circa 100 MB), estraiamone il contenuto. Successivamente nella barra degli indirizzi scriviamo “chrome:extensions” in modo da visualizzare la lista delle estensioni installate. Qui selezioniamo, in alto a destra, il box “Modalità sviluppatore”.

Ora dobbiamo cliccare su “Carica estensione non pacchettizzata…” e selezionare la cartella in cui abbiamo estratto ARChon. Una volta assicurato che sia abilitato,

Schermata del 2015-02-24 01:47:04siamo pronti per eseguire una delle tre modalità di seguito indicate, in base naturalmente a quella che troviamo più semplice.

Opzione1: conversione dell’APK in app Android

Attualmente le nostre app Android installate sullo smartphone o sul tablet, non sono in grado di essere eseguite su Chrome. Per rendere ciò possibile è necessario che venga eseguito un nuovo repack compatibile con ARChon. L’operazione è abbastanza complessa, ma ci viene in aiuto un’altra app Android: ARChon Packager. Una volta scaricata, installata e avviata, abbiamo due scelte da compiere: scegliere una app già installata o un APK salvato sulla memoria dello smartphone. Nel primo caso scegliamo “Installed application” e andiamo avanti. ARChon

Scegliamo ad esempio l’app Pulse come app da far girare su Chrome. È possibile selezionare se far far partire l’app in modalità “phone” o modalità “tablet” oppure se in portrait o landscape. È anche possibile dare all’app accesso ai file presenti sul PC oppure abilitare ADB se si è sviluppatori.

Una volta selezionato “Finish”, l’app sarà convertita in un file ZIP “digeribile” da Chrome. Bisogna poi trasferire il file sul PC attraverso un cavo Usb o selezionare il pulsante di share alla fine del processo in modo da spedirlo via mail oppure, ancora, effettuarne l’upload su un servizio cloud di storage.2015-02-23 23.40.46Una volta che il file ZIP si trova sul PC bisogna unzipparlo. Torniamo sul browser e nella barra degli indirizzi inseriamo “chrome://extensions”, successivamente selezioniamo “Carica estensione non pacchettizzata…” e la cartella in cui abbiamo estratto precedentemente il contenuto. Non ci resta che selezionare il pulsante “Avvia”!

Avvia_app_Chrome

In questo modo l’app funzionerà perfettamente.
Schermata del 2015-02-24 01:08:41

Se invece non possediamo un dispositivo Android, l’opzione successiva farà al caso nostro.

Opzione 2: conversione dell’APK in app Chrome

In questo caso dobbiamo scaricare Twerk dal Chrome Web Store e necessitiamo del file APK già pronto. Reperire un APK “sicuro” non è facile vista la presenza di file malevoli nascosti negli APK, ma possiamo optare per le versioni proposte dai developers XDA.

Il processo è molto semplice. Lanciamo Twerk dal Chrome App Launcher oppure inseriamo nella barra degli indirizzi “chrome://apps”. Successivamente trasciniamo l’APK nella finestra di Twerk.

Twerk

Qui possiamo scegliere una serie di opzioni, ad esempio se far girare l’app in portrait o in landscape, infine selezioniamo il bottone rosa in basso per salvare il lavoro.

Tornando sulle estensioni di Chrome (“chrome://extensions” nella barra degli indirizzi), selezioniamo “Carica estensione non pacchettizzata…”. Individuiamo la cartella creata da Twerk e selezioniamola. La nostra app è ora disponibile in Chrome e basta lanciarla come una qualsiasi altra app Chrome!

Opzione 3: scaricare online APK convertiti

Questa opzione è la più semplice, poiché è sufficiente scaricare app compatibili con ARChon; il problema è che online sono reperibili poche app.

Possiamo però visitare questo file Excel creato dalla community che elenca una serie di app testate con ARChon e che, per ogni app, mette a disposizione un link per il download (a tuo rischio e pericolo!). Allo stesso modo è disponibile su Reddit il Chrome APKs.

Una volta scaricato il file ZIP, estraiamone il contenuto, inseriamo “chrome://extensions” nella barra degli indirizzi e selezioniamo “Carica estensione non pacchettizzata…”. Carichiamo in Chrome il file estratto e, tramite “chrome://apps” nella barra degli indirizzi, lanciamo l’app!

Conclusioni

Avere a portata di mano le nostre app è sicuramente un vantaggio da non sottovalutare, soprattutto per quanto riguarda le app che facilitano il nostro modo di relazionarci con le persone o le app che contribuiscono durante le pause dal lavoro o dallo studio ad esempio, a svagarci o a rilassarci. Questa guida ci ha reso sicuramente tutto più piacevole!

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai testato altri sistemi? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!