Informazioni importanti

Come effettuare un’ installazione pulita di Windows 10

The following two tabs change content below.

Alessandro Ruggieri

Studente 20enne della Facoltà di Informatica; oltre ad essere fortemente legato al lato Hardware della tecnologia, ho sviluppato una passione per il sistema Linux e per il mondo Mobile, nel corso degli anni. Appassionato di Gaming, Anime e Serie TV, ho trovato nella scrittura il modo migliore per esternare i miei interessi e le mie opinioni.

Windows 10, installazione pulita, windows, sistemi operativi, windows update
L’arrivo di Windows 10, ha segnato un ulteriore passo evolutivo nella storia del sistema operativo di Microsoft. In molti di voi avranno sicuramente avuto fin da subito la tentazione di aggiornare ma quanto è importante eseguire un’ installazione pulita di Windows 10

Potrebbe interessarti anche A quale versione di Windows 10 è possibile aggiornare gratuitamente? o Come togliere l’icona di aggiornamento a Windows 10 (GWX)?

Prima di rispondere a questa domanda, vediamo in breve se è vantaggioso o meno per ciascun utente, l’aggiornamento a quest’ultima versione di Windows. La prima cosa da controllare, sono i requisiti di sistema (comunque molto simili alle precedenti versioni del sistema operativo) e subito dopo i driver (tramite il sito del produttore del nostro pc o delle componenti che il nostro pc monta), che devono essere compatibili con Windows 10.

Una volta che ci siamo accertato di questo, con tutta probabilità non avremo veri e propri “svantaggi” nell’aggiornare, in quanto il sistema è attualmente molto stabile e performante, se abbinato ai driver giusti e ad un hardware compatibile e supportato.

Volendo eseguire questo upgrade, è necessario sapere che fin da prima del rilascio del sistema operativo, Microsoft ha dato a tutti la possibilità di aggiornare il proprio pc con Windows 7, 8 e 8.1 gratuitamente, semplicemente scaricando da Windows Update l’ultima versione del sistema. Questa possibilità è al momento estesa fino al 29 Luglio di quest’anno e di conseguenza chiunque voglia approfittare di questo aggiornamento, dovrà farlo entro quella data in quanto successivamente l’upgrade sarà possibile solo a pagamento.

Il requisito per poter usufruire di questa promozione è uno solo: aver installato almeno una volta Windows 10 (tramite aggiornamento o installazione pulita). Questo significa che se dopo aver installato 10, volessimo tornare indietro ad una versione precedente del sistema, potremo tornare a Windows 10 in qualsiasi momento in maniera totalmente gratuita.

Adesso è arrivato il momento di rispondere alla domanda iniziale: quali sono i vantaggi di un’installazione pulita? L’installazione pulita consiste nell’installare windows da zero, installando manualmente prima il sistema e poi tutti i driver e le applicazioni. I vantaggi di questa operazione stanno sia nella rimozione di eventuali virus all’interno del sistema, sia nella migliore compatibilità delle applicazioni e dei driver che vengono installati da zero partendo da un sistema pulito, in cui è improbabile avvengano conflitti.

Installazione pulita di Windows 10: il tool di Microsoft

Windows 10, installazione pulita, windows, sistemi operativi, windows update

Per poter installare da zero Windows 10, è necessario essere in possesso del file immagine del nuovo sistema operativo. Se non volete scaricare da zero il file immagine .ISO del sistema e caricarlo manualmente in una chiavetta USB o su un DVD, Microsoft ha messo a disposizione di tutti il Windows 10 Media Creation Tool, applicazione in grado di eseguire questi passaggi in perfetta autonomia. Vediamo come fare.

  • Innanzitutto scarichiamo il Media Creation Tool a questo indirizzo e avviamolo.
  • Potremo ora scegliere tra due opzioni: “Aggiorna il PC ora” e “Crea un supporto di installazione per un altro PC”. Scegliamo quest’ultima opzione, necessaria per effettuare l’installazione pulita.
  • Nella nuova schermata, selezioniamo la lingua e la versione di Windows da scaricare (in base alla versione che abbiamo sul nostro PC) e ricordiamoci di selezionare l’architettura a 32 o a 64 bit (in caso non lo sapessimo, potremo selezionare “Entrambi”)
  • Nella finestra relativa alla scelta del supporto da usare, potremo selezionare “Unità Flash USB” per creare un dispositivo USB avviabile (è necessario che il dispositivo abbia sufficiente spazio disponibile, variabile in base alla versione di Windows che si è deciso di scaricare) oppure “File ISO”, per scaricare la ISO da masterizzare in un secondo momento. Per ora concentriamoci sulla prima opzione.
  • Partirà adesso il download di Windows e la relativa preparazione del dispositivo avviabile (questa procedura potrebbe richiedere diverse ore)
  • Fatto questo avremo il nostro dispositivo avviabile contenente Windows 10.

Masterizzare la ISO su DVD

Windows 10, installazione pulita, windows, sistemi operativi, windows update

Per tutti coloro che non avessero la possibilità di utilizzare una chiavetta USB per l’installazione di Windows (nessuna chiavetta con sufficiente spazio disponibile, oppure BIOS non compatibile con l’avvio da chiavetta USB), tramite il Media Creation Tool esiste anche la possibilità di salvare la ISO per masterizzarla su DVD. Vediamo come fare.

  • Nello strumento selezioniamo la voce “Crea un supporto di installazione per un altro PC”, indichiamo la destinazione del file e attendiamo il download della ISO
  • Fatto questo, inseriamo un DVD vuoto nel masterizzatore del PC e avviamo il nostro software di masterizzazione (IMGBurn, CdBurnerXP, Nero o altri).
  • Selezioniamo la voce per masterizzare un’immagine ISO e indichiamo il file appena scaricato.
  • Proseguiamo ora con la masterizzazione e attendiamo che la procedura sia completa.

Avviare l’ installazione pulita di Windows 10

Adesso che il nostro dispositivo di installazione di Windows è pronto, riavviamo il PC con la chiavetta USB o il DVD inserito. Se dovesse partire l’edizione di Windows già installata sul PC invece dell’installazione di Windows 10, vuol dire che il nostro BIOS non è configurato per l’avvio da DVD/USB.

  • Per risolvere il problema, dovremo dunque entrare nel BIOS. Per informazioni sul tasto da utilizzare per entrare nel BIOS e sulle diciture specifiche da modificare, bisognerà controllare la documentazione del proprio PC (i tasti sono diversi in base al modello di scheda madre anche se solitamente sono CANC,F2,F11,F12)
  • Entrati nel BIOS dovremo trovare una scheda chiamata “BOOT” (può variare in base al PC) e mettere al primo posto dei dispositivi d’avvio il lettore CD/DVD o la chiavetta USB.

Fatto questo, riavviamo nuovamente il PC ed entreremo nel menu di installazione di Windows. Procediamo con l’installazione e selezioniamo l’opzione dell’ “installazione personalizzata”, che non mantiene i file già presenti sul computer ed indichiamo l’hard disk o la partizione sul quale effettuare l’installazione e proseguiamo.

Siamo così giunti alla fine della procedura che donerà al nostro computer un aspetto rinfrescato e rinnovato.

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai trovato altri sistemi? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *