Bendgate: Samsung Galaxy S6 si piega più dell’iphone 6?!

The following two tabs change content below.

Carlo Principe

Passione, dedizione e curiosità sono le tre parole chiave che accompagnano la mia vita tecnologica. May the Force be with you!

bendgate

Tutti voi avrete sicuramente sentito parlare del cosiddetto “Bendgate” che ha coinvolto (e soprattutto travolto) il nuovo iPhone di casa Apple. In particolare pare che le prime produzioni di iPhone 6 fossero interessate da un particolare problema: si piegava tenendolo in tasca.

Fra l’altro Samsung, durante l’evento di presentazione del suo nuovo Samsung Galaxy S6, ha pubblicamente ammesso che il suo nuovo dispositivo non era affetto da tale problema.

Tuttavia, SquareTrade ha dimostrato attraverso una serie di test basati sulla pressione necessaria affinché un oggetto si pieghi fino al punto di rottura, che anche il nuovo Samsung Galaxy S6 si piega …anzi, pare essere molto più fragile!

Ovviamente non deve sorprenderci il fatto che un dispositivo elettronico fragile come uno smartphone si rompa, ciò è piuttosto normale. Più che altro è interessante notare quanto i dispositivi possano resistere alla pressione applicata sul corpo dello smartphone. Immaginiamo ad esempio di tenere lo smartphone nella tasca posteriore dei pantaloni.

SquareTrade ha utilizzato, per effettuare i test, un particolare macchinario chiamato BendBots e ha messo a confronto la resistenza tra iPhone 6 Plus, Samsung Galaxy S6 Edge e HTC M9.

In particolare i test sono stati suddivisi in due parti: una prima parte mette in evidenza la forza necessaria per piegare gli smartphone precedentemente elencati, mentre la seconda parte evidenzia la forza necessaria per rompere e spezzare i dispositivi.

I risultati dei test: che forza bisogna applicare per piegare uno smartphone?

  • Il Samsung Galaxy S6 Edge ha richiesto una forza di circa 50 kg sulla parte centrale. Inoltre durante la fase di curvatura dello schermo, questo si è rotto.
  • iPhone 6 Plus ha richiesto una forza di 50 kg, ma a differenza del precedente non ha presentato lesioni del display.
  • HTC M9 ha richiesto una forza di 55 kg, ma a differenza dei precedenti, non solo si è rotto il display ma lo smartphone non è stato più utilizzabile.

I risultati dei test: che forza bisogna applicare per rompere e spezzare uno smartphone?

  • Il Samsung Galaxy S6 Edge ha richiesto una forza di circa 68 kg per rompersi.
  • iPhone 6 Plus ha richiesto una forza di 80 kg per rompersi.
  • HTC M9 ha richiesto una forza di 55 kg per rompersi.

In conclusione possiamo affermare che il Samsung Galaxy S6 pare essere molto più fragile dell’iPhone 6 Plus e dell’HTC M9, in contrasto quindi con quanto annunciato da Samsung stessa. Dobbiamo però sottolineare che tali test sono sì interessanti, ma poco si applicano alla vita quotidiana. Se davvero siamo patiti e appassionati di smartphone difficilmente lo “maltrattiamo” sedendoci su di esso.

Fra l’altro è risaputo che l’ultima tendenza di fabbricazione degli smartphone è quella di optare per display sempre più grandi, di conseguenza sempre più fragili, non stiamo mica parlando dei buon vecchi Nokia 3310! Di certo i test hanno smentito la versione ufficiale di Samsung che, in termini di relazioni commerciali, non le manda certo a dire ad Apple.

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Cosa ne pensi? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!