Informazioni importanti

App per Sbloccare Android – Root Senza Pc 2016

The following two tabs change content below.

Alessandro Ruggieri

Studente 20enne della Facoltà di Informatica; oltre ad essere fortemente legato al lato Hardware della tecnologia, ho sviluppato una passione per il sistema Linux e per il mondo Mobile, nel corso degli anni. Appassionato di Gaming, Anime e Serie TV, ho trovato nella scrittura il modo migliore per esternare i miei interessi e le mie opinioni.

App per Sbloccare Android

Il desiderio della maggior parte degli utenti Android è quello di riuscire ad ottenere il massimo dal proprio dispositivo. Spesso questo non è ottenibile al 100% se prima non si riesce a sbloccare il proprio device tramite la procedura che in gergo viene definita “root”. Ma quali sono le migliori app per sbloccare Android senza l’uso di un PC ora disponibili? Facciamo insieme una panoramica su questi software e sui loro metodi di utilizzo, rimarrete sbalorditi dalla semplicità di questa procedura su molti dispositivi.

Forse ti può interessare anche Come disabilitare i permessi di root temporaneamente o Root Booster: come rendere più veloci smartphone e tablet Android con root?

Le migliori App per Sbloccare Android

Prima di tutto una considerazione: su alcuni device sono necessarie procedure di Root lunghe e complicate (anche se questi casi non sono poi così numerosi) mentre, nella restante maggioranza dei casi, è possibile ottenere i permessi di root in pochi click, con operazioni semplici e accessibili a chiunque, neofita o smanettone che sia.

KingRoot

KingRoot

KingRoot, come il nome suggerisce, è il re indiscusso di questa tipologia di applicazioni. Creato dalla mente di un team di sviluppatori cinese, è scaricabile gratuitamente tramite il sito ufficiale. Inizialmente l’applicazione era disponibile esclusivamente in lingua cinese ma, grazie al team di sviluppatori del forum XDA Developers, si è ottenuta una versione inglese, che permette di comprendere meglio il programma.

La procedura è davvero molto semplice e richiede soltanto di scaricare l’apk, installarlo e cliccare un pulsante. I device supportati sono davvero tanti ma come al solito provare è la soluzione migliore.

OneClickRoot

OneClickRoot

OneClickRoot nasce come applicazione desktop dedicata ad effettuare il root di un dispositivo Android in pochi passaggi. Evolvendosi, la necessità di un computer per effettuare la procedura è venuta meno ed è ora possibile applicare il root tramite un semplice APK.

OneClickRoot si può scaricare gratuitamente tramite il sito ufficiale: basta scaricare l’APK, abilitare l’installazione dalle Origini Sconosciute ed avviare l’installazione. Fatto ciò basterà aprire l’app e premere il pulsante Root Device!

KingoRoot

Kingoroot

Kingoroot è molto simile a KingRoot nel nome e anche nell’aspetto del sito e dell’applicazione stessa. Anche quest’app è formata da un semplice APK da installare e avviare per ottenere i permessi di root.

L’applicazione supporta tutti i principali devices di marchi come LG, Sony, Huawei, HTC e Samsung dalle versioni Android 1.5 fino ad Android 5.0 ed è davvero semplice da utilizzare.

TowelRoot e FramaRoot

Framaroot

In passato abbiamo anche parlato di queste due applicaizoni, TowelRoot e Framaroot. Al momento non sono state citate in quanto funzionano principalmente con device che hanno sistema operativo Android KitKat o precedenti. Se rientrate in questi casi, date un’occhiata al nostro articolo dedicato per saperne di più!

Insomma i metodi sono davvero tanti, a prescindere che si abbia l’ausilio di un PC o meno. Perché non provare?

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai trovato altri sistemi? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!