5 modi per aggirare gli acquisti In-App su Android

The following two tabs change content below.

Alessandro Ruggieri

Studente 20enne della Facoltà di Informatica; oltre ad essere fortemente legato al lato Hardware della tecnologia, ho sviluppato una passione per il sistema Linux e per il mondo Mobile, nel corso degli anni. Appassionato di Gaming, Anime e Serie TV, ho trovato nella scrittura il modo migliore per esternare i miei interessi e le mie opinioni.

Nei nostri smartphone o tablet avremo sicuramente installato tante applicazioni nel corso del tempo, tra cui anche alcune app gratuite che ci avranno portato, almeno una volta, a chiederci “Come aggirare gli acquisti In-App ?”.

Potrebbe interessarti anche ” Come ottenere mod per giochi Android” ?

acquisti in-app, aggirare acquisti in app android, android, smartphone, hack

Disclaimer

Questo articolo è fornito così com’è (“As is”), a scopo puramente informativo e didattico. L’autore e il sito che ospita questo articolo non potranno essere ritenuti responsabili per le conseguenze in termini di danni materiali e responsabilità legali che scaturiranno dall’utilizzo delle informazioni in esso contenute. L’unico responsabile di ogni conseguenza delle tue azioni sei Tu: se continui nella lettura dichiari di aver compreso ed accettare queste condizioni.

Sugli store dei nostri devices, al giorno d’oggi, troviamo sempre più applicazioni distribuite gratuitamente, il cui download non ci costa nulla. Quando le installiamo però, ci rendiamo conto che magari, il gioco appena scaricato contiene pubblicità e che con il proseguire dello stesso si rende quasi necessario acquistare alcuni elementi di gioco con soldi reali per proseguire.

Gli acquisti in app vengono spesso inseriti per svariati motivi e con svariate finalità. La motivazione principale è quella che permette agli sviluppatori esordienti di rilasciare applicazioni gratuite al fine di incrementare il numero di download, senza rinunciare però a degli introiti in grado di ricompensarli del lavoro eseguito.

E’ possibile così inserire la possibilità di acquistare il codice per sbloccare la versione completa di un’app o di un gioco, di acquistare un oggetto in gioco, di sbloccare alcune funzionalità, di rimuovere la pubblicità ecc.. In cambio di un piccolo contributo per l’autore del software.

Innanzitutto occorre specificare che la presente guida è scritta esclusivamente a fine illustrativo, Tecnomani.Com non si assume nessuna responsabilità degli eventuali usi illegali che potreste fare di queste applicazioni.

Acquisti In-App : tutte le soluzioni

Ci sono diverse applicazioni che sono in grado di limitare o eliminare la pubblicità in app o gli stessi acquisti.

Lucky Patcher

acquisti in-app, aggirare acquisti in app android, android, smartphone, hack

La prima e più famosa è Lucky Patcher, applicazione molto potente e assolutamente maestra nel suo settore. L’applicazione, sviluppata da Chelpus, è fedele compagna di coloro che hanno effettuato il root sui loro devices, perché permette di bloccare molte delle pubblicità che compaiono nelle app, di rimuovere il controllo della licenza da parte del play store e di rimuovere molti dei “wakelocks” che alcune applicazioni eseguono proprio per il controllo licenza o per le pubblicità, aiutando così a prolungare la vita della batteria.

L’applicazione è una delle più stabili e sicure esistenti al momento, ma non garantisce il 100% di funzionalità. In alcuni casi l’app semplicemente non funzionerà, in altri invece potrebbe creare problemi con riavvii del dispositivo, freeze o battery drain. Questo significa che l’app va usata con cautela, solo se sapete quello che fate e se sapete come tornare indietro sui vostri passi.

Leo PlayCard

acquisti in-app, aggirare acquisti in app android, android, smartphone, hack

Un’altra alternativa è Leo PlayCard, un’applicazione ancora in sviluppo, che ha una compatibilità probabilmente più limitata delle app concorrenti ma ha dalla sua il punto di forza di non richiedere il root. E’ in grado di simulare una carta associata al proprio account Google in modo da poterla usare su Play Store ma ha come contro la possibilità di vedere il proprio account bannato dallo Store. Puoi scaricare l’apk di Leo PlayCard 1.2 qui.

Freedom

Freedom è un’alternativa a Leo PlayCard sviluppata da un developer russo, che ha più o meno le stesse funzionalità sopra specificate. Anche quest’app creerà una carta di credito fasulla chiamata “Freecard” usata per simulare gli acquisti in-app.  Freedom però, richiede i permessi di root.  Se l’applicazione ti interessa, puoi approfondire qui.

AppSara

acquisti in-app, aggirare acquisti in app android, android, smartphone, hack

AppSara è un’altra delle tante alternative disponibili nel settore, da citare solo perché non richiede i permessi di root ma è ormai compatibile solo con un numero molto ridotto di applicazioni, che la rende meno utile delle altre app. Qui download apk AppSara 1.0.

Creehack

acquisti in-app, aggirare acquisti in app android, android, smartphone, hack

Creehack è l’app veterana nel suo settore. Ha tutte le caratteristiche che ci si aspettano da un’applicazione del genere: non richiede i permessi di root, funziona con una percentuale di App altissima, può essere usata illimitatamente ed è efficientissima. L’applicazione è semplicissima da installare, e una volta avviata va solamente attivata con un click e creerà una “freecard” in grado di convalidare qualsiasi acquisto in-app che vogliate effettuare. Semplice no? Se l’applicazione ti interessa, puoi approfondire qui.

L’invito, comunque vada, è sempre lo stesso: se apprezzate un’applicazione, supportate lo sviluppatore, in quanto se nessuno dovesse più farlo, presto il Play Store sarà quasi completamente abbandonato.

L’articolo ti è piaciuto? Condividilo con chi vuoi attraverso il tuo social network preferito usando la barra a sinistra.

Hai testato altri sistemi o hai apportato delle modifiche? Hai bisogno di aiuto? Condividi con noi la tua esperienza lasciando un commento!